La storia di una giovanecomunità

Image

Non siamo ancora in grado di dire dove fosse originariamente la pala oggi sull’altare dell’oratorio di Masnago, che fu qui collocata in seguito alla riedificazione della chiesa, solo dal 1731 consacrata all’Immacolata Concezione in sostituzione dell’antica dedicazione.
Forse ebbe una qualche parte la Confraternita del SS. Sacramento che, istituita da S. Carlo nel 1574, trovò la sua nuova sede nella Chiesa dell’Immacolata, alla cui costruzione contribuirono gli stessi confratelli.

Fin dalla metà del XVIII sec la tela dell’Immacolata è stata attribuita al pittore milanese Carlo Francesco Nuvolone (Milano 1609 – 1662). Al dipinto di Masnago è stato avvicinato un disegno, oggi conservato nella Biblioteca Ambrosiana a Milano, che rappresenta un modello più volte utilizzato dai Nuvolone con poche variazioni. La Madonna ha il corpo leggermente arcuato, la testa inclinata, lo sguardo basso, le mani giunte e con i piedi schiaccia il serpente mostruoso che ha accanto una grossa luna grigia. Indossa una veste bianca e un mantello color del cielo. I capelli, lunghi e sciolti, sono trattenuti composti sul capo da una leggera corona, intorno a cui si vedono alcune stelle. In alto sta la colomba.
Il Nuvolone rispetta il “decoro”: la Madonna abbassa lo sguardo quasi a custodire, con un moto di pudicizia e di umiltà, la sua purezza, ma nello stesso tempo schiaccia il malefico serpente mostrando a tutti la sua potenza.
La “verità della storia” trova il suo centro nella conformità ai testi sacri più frequentemente associati alla dottrina teologica dell’Immacolata Concezione. 

Preghiera della Comunità Pastorale

Signore Gesù,
contemplando la bellezza immacolata
di Maria, tua e nostra madre,
riconosciamo in Lei
il segno della tua benevolenza per noi.
La invochiamo custode del cammino comune
delle nostre parrocchie,
l'esempio della sequela
umile e quotidiana al tuo Vangelo.
Donaci di custodire il tesoro della santità,
di condividere i doni che ci distinguono,
di confessare la fede che ci unisce,
così che animata dal tuo Santo Spirito,
la nostra comunità pastorale
attragga al Padre
nuovi figli e nuove figlie.
Amen.

1 Gennaio 2011

Nascita Comunità Pastorale

Viene costituita in Varese dal card. Dionigi Tettamanzi la comunità pastorale "Maria Madre Immacolata" composta dalle parrocchie S. Giovanni Battista di Avigno, san Grato di Bobbiate, Santi Nazario e Celso di Calcinate del Pesce, san Carlo di Lissago, santi Pietro e Paolo di Masnago e santo Stefano di Velate con sede centrale nella Parrocchia dei santi Pietro e Paolo in Masnago. Viene nominato come parroco e responsabile della Comunità Pastorale don Mauro Barlassina, prete originario di Lecco, ordinato nel 1986. A lui si affiancano come vicari della comunità pastorale don Adriano Sandri, don Jean Balouki, prete originario del Togo, don Marco Eros Ferrandi e don Ambrogio Marsegan.

1 Gennaio 2011

Settembre 2011

L'arrivo di Don Maurizio Cantù

Don Ambrogio Marsegan viene nominato parroco di Taino. Rimarrà parroco fino al 2015, per poi essere nominato vicario della comunità pastorale di Guanzate e Bulgarograsso. Muore il 14 gennaio 2017 a causa di un infarto. In comunità arriva don Maurizio Cantù, che oltre ad avere una attenzione sulla parrocchia di Bobbiate, seguirà la Caritas della Comunità Pastorale.

8 Dicembre 2011

Nasce la festa Patronale

La tradizionale Festa dell'Immacolata diventa festa patronale della comunità pastorale con una giornata animata dalle parrocchie della comunità pastorale e da diversi enti locali. La conclusione della giornata è con la celebrazione della messa di comunità pastorale a Masnago.

8 Dicembre 2011

Settembre 2012

Le Sorelle della Parrocchia

Nella comunità pastorale Maria Madre Immacolata a Bobbiate si instaura la comunità delle "Sorelle della Parrocchia" nelle figure di Maura Brusandelli e Angela Magnoli. Le due suore entrano nella diaconia della comunità pastorale. Nel settembre 2012 arriva anche don Felice Carnaghi come vicario a conclusione del suo ministero da parroco a Cinisello Balsamo.

Settembre 2013

Don Nicola vicario della Comunità

Don Marco Eros Ferrandi viene nominato vicario della comunità pastorale Santi Piccoli Martiri Innocenti in Milano mentre invece per la nostra comunità viene nominato come vicario don Nicola Francesco Porcellini, con l'attenzione particolare alla pastorale giovanile. Si avvia un processo di comunione nella Pastorale Giovanile, in particolare per le sedi del catechismo e per la Pastorale dai ragazzi delle medie ai giovani.

Settembre 2013

Giugno 2015

Cambiamenti nell'aria

Don Maurizio Cantù lascia la comunità e diventa parroco delle parrocchie di Comerio, Gavirate, Oltrona al Lago e Voltorre.

Rinnovato l'oratorio estivo di Comunità Pastorale, con una divisione delle fasce di età nelle parrocchie della zona nord della comunità pastorale e con una attenzione mirata nella zona sud ai ragazzi, usufruendo degli oratori di Bobbiate e Calcinate del Pesce.

28-30 Agosto 2015

50 anni di Don Adriano

Don Adriano ricorda a Velate il 50esimo di sacerdozio

28-30 Agosto 2015

Settembre 2015

Il benvenuto a Don Matteo Moda

Viene destinato alla comunità pastorale come collaboratore, in particolare nella Pastorale Giovanile, don Matteo Moda, ordinato diacono da pochi giorni.

Giugno 2016

Nuova equipe Pastorale Giovanile

Con la sua ordinazione presbiterale don Matteo viene nominato vicario della comunità pastorale con una attenzione sulla Pastorale Giovanile. Insieme a don Nicola, suor Angela e l'educatore formano l'equipe di Pastorale Giovanile.

Don Mauro ricorda il 30esimo anniversario di ordinazione sacerdotale nella festa del Palio di Masnago.

Giugno 2016

Novembre 2016

#InsiemeInGioco

Inizia un progetto di raccolta fondi chiamata "Insieme Ingioco" volta a dare con chiarezza e trasparenza economica rilancio alle attività educative degli oratori. 

Marzo 2017

Allargamento della diaconia

Nel contesto della visita pastorale feriale del Card. Angelo Scola, il vicario episcopale di zona Mons. Franco Agnesi visita la comunità pastorale. I passi da compiere nei prossimi anni, consegnati al vicario generale, Mons. Mario Delpini, sono l'allargamento della diaconia a figure laicali e un rinnovamento del linguaggio celebrativo per le fasce più giovani.

Marzo 2017

2 Luglio 2017

Don Felice e 50 anni di ordinazione

A Calcinate del Pesce don Felice ricorda il 50esimo di Ordinazione

Agosto 2017

Giovani per Amatrice

I nostri giovani insieme ai ragazzi della comunità pastorale "S. Eusebio" di Casciago si recano ad Amatrice ad aiutare in un campo lavoro organizzato da Caritas i terremotati.

Agosto 2017

7 Settembre 2018

Mons.Delpini visita la comunità

L'Arcivescovo Mons. Mario Delpini visita la comunità pastorale e celebra la s. Messa in ricordo del 50esimo di consacrazione della Chiesa di Masnago nel contesto del 40esimo Palio delle sei contrade.

Settembre 2019

Saluto a Don Mauro e Suor Angela

Don Mauro Barlassina viene nominato parroco e responsabile della Comunità Pastorale "S. Paolo VI" composta dalle parrocchie di Calderara, Dugnano, Incirano.

Viene nominato parroco e responsabile della Comunità Pastorale don Giampietro Corbetta, già parroco e responsabile della Comunità Pastorale "Madonna d'Useria" di Arcisate.

Anche tra le sorelle della parrocchia si ha un avvicendamento: Suor Angela viene chiamata a prestare servizio nella Comunità Pastorale "Maria aiuto dei cristiani" composta dalle parrocchie di Cavaria con Oggiona, Premezzo e Santo Stefano. Al suo posto arriva in comunità pastorale Suor Gioia Prochilo, che aiuterà in parrocchia a Bobbiate e diventerà dirigente scolastico della scuola materna di Masnago.

Diverse sono le manifestazioni di affetto a don Mauro e suor Angela, culminati nel saluto ufficiale a Masnago nel contesto del Palio domenica 8 settembre e nella festa patronale a Bobbiate domenica 15 settembre.

Settembre 2019

3 Novembre 2019

Don Giampietro Corbetta in Comunità

Don Giampietro Corbetta fa il suo ingresso come parroco della Comunità Pastorale insieme con la diaconia che rinnova il suo impegno a servizio della comunità pastorale durante la celebrazione eucaristica davanti al vicario, Mons. Giuseppe Vegezzi.